La bellezza e i prodotti cosmetici un lavoro promotore in Africa

Una cosa che non è un piccolo mercato come ci facevano sapere da molti anni ma adesso diventa un settore che prendono sul serio ai  governi africani e anche agli investitori dove ricordare agli attori di questo settore che loro devono continuare a fare il lavoro che fanno adesso.

Una opportunità aperta per tutti

Ecco fa quasi un po’ più di quattro anni che abbiamo lavorato su questo  in Africa dove ci voleva mostrare le cifre su questo settore perché inizialmente non esisteva sarebbe il primo rapporto che dia cifra del mercato di vari bellezze. Volevamo anche dare dei elementi qualitativi e delle informazioni qualitative cioè queste cose in cui non potevamo mostrare un cifra ma una delle delicatezze   da capire  sul mercato di bellezza in Africa sub sahariana. Sono dei prodotti destinati ai investitori pubblici o stranieri per le marche africane o internazionali, ai governi africani e tutti portatori dei progetti senza distinzione che vogliono lanciarsi sul settore.

Una occasione per farci sentire

In  effetti sarebbe un attrezzo di decisione per le tre vari cose da sapere: i decisori africani affinché sappiano ciò che esistano in questo settore perché finora  abbiamo detto che da tre anni c’era un potenziale da creare dei lavori però non avevamo la possibilità di farci sentire di conseguenza per noi si tratta di un mezzo per documentare questo settore  di esprimere loro  la realtà, quali sono le opportunità, quali sono ugualmente le difficoltà affinché prendano la decisione.

Quindi un strumento di decisione per i governi africani e gli investitori siccome attualmente questi investitori si interessano alla sanità, la tecnologia ma soprattutto i cosmetici. Parlando di cosmetici in Africa, due paesi li usano molto come Africa del Sud e Nigeria a causa del forte demografico ma quelli di sub sahariana cominciano a mostrare delle cifre abbastanza enorme.